Skip to main content

33 termini che un web copywriter dovrebbe conoscere

Scrivendo contenuti per il web, stai perdendo il controllo con tutti i nuovi termini propri del mondo del marketing online? Allora questo post fa al caso tuo!

 

I web copywriter sono più che menti creative che sanno come far passare un messaggio. Sempre più spesso, le richieste di testi oggi necessitano un’ampia conoscenza del marketing online. E così sempre più copywriter stanno acquisendo conoscenze di base o di vasta portata nel marketing online, compreso il gergo giusto. Non di rado, i copywriter online diventano anche specialisti di web design, user experience, SEO e Co.

 

Tuttavia, tra tutte le abbreviazioni e il gergo del marketing, un copywriter può perdere rapidamente il controllo delle cose. E anche i professionisti a volte vogliono rinfrescare la loro memoria e ciò che hanno imparato. Questo nostro articolo potrebbe essere allora d’aiuto!  Ecco una panoramica di 33 importanti termini tecnici che ogni web copywriter dovrebbe conoscere.

 

1. Above the fold

 

Nel marketing online, “Above the fold” si riferisce all’area di un sito web che è visibile subito dopo che è stato richiamato. Questa parte del sito svolge un ruolo di enorme importanza: gli utenti devono essere indirizzati direttamente con i messaggi giusti per convincerli in pochi secondi del contenuto e della qualità del sito web.

 

Above the fold - Textbroker

L’area “Above the fold” della home page di Textbroker: cosa vede l’utente prima di scorrere verso il basso.

 

2. Advertorial

 

Un advertorial descrive un contenuto che consiste in un mix di pubblicità e contenuti editoriali e dovrebbe quindi essere particolarmente credibile. Le aziende utilizzano spesso gli advertorials per presentare le loro competenze in un’area tematica specifica. Ad esempio, i produttori di scarpe da corsa possono scrivere (avere) un rapporto di prova (fattuale) sul loro ultimo modello o un consulente finanziario può scrivere un articolo sulle buone opportunità di investimento.

 

Gli advertorials sono particolarmente controversi a causa della mancanza di una netta separazione tra la pubblicità e la redazione. In base al codice di Autodisciplina Pubblicitaria, è necessaria un’etichettatura chiara della pubblicità. Anche se su Internet diventa tutto più difficile.

 

3. Blog Marketing

 

Il concetto di Blog marketing si riferisce all’utilizzo di un blog per scopi commerciali. I blogger o le aziende curano il loro blog con lo scopo di generare profitti, ad esempio attraverso la pubblicità, o per raggiungere i loro obiettivi di marketing, ad esempio per aumentare la loro notorietà.

 

4. Bounce rate

 

Il bounce rate (frequenza di rimbalzo) indica quanti utenti visitano un sito web e lo abbandonano senza ulteriori interazioni. Queste interazioni consistono solitamente nel cliccare un’altra pagina del dominio. Tuttavia, a seconda della definizione, può anche essere una registrazione, un download o qualcosa di simile.

 

La frequenza di rimbalzo è un segnale per misurare la qualità di un sito web. Gli operatori di un sito web possono utilizzare la frequenza di rimbalzo di un sito web, tra le altre cose, per determinare se il contenuto offerto soddisfa il lettore. Un alto tasso di rimbalzo non deve necessariamente essere negativo – può anche indicare che l’utente ha trovato rapidamente ciò che stava cercando. Inoltre, il tasso medio varia a seconda del tipo e del contenuto del sito web, del gruppo target, ecc. I motori di ricerca possono anche trovare suggerimenti sulla qualità di un sito web dalla frequenza di rimbalzo.

 

5. Call-to-action

 

Un call-to-action, abbreviato in CTA, è un invito testuale al lettore ad agire. Viene utilizzato in pubblicità o su siti web per incoraggiare il lettore ad interagire – ad esempio con un click, una registrazione o un acquisto. Fondamentalmente, si può fare una distinzione tra Call to action dirette e indirette.

Un pulsante con CTA diretto su textbroker.it:

 

 

Un CTA indiretto nel testo:

 

 

6. Click-Through Rate (CTR)

 

Il Click-Through Rate fornisce informazioni sulla frequenza con cui un URL viene chiamato da una particolare fonte. Il numero di visite è proporzionale al numero di viste o impressioni che indicano la frequenza con cui gli utenti hanno visto la fonte. Gli operatori di siti web possono utilizzare il Click-Through Rate per misurare come funzionano bene i banner pubblicitari, i risultati dei motori di ricerca o i teaser delle newsletter come fonti di traffico. Il rapporto si basa sul numero di visualizzazioni, ovvero quanti utenti hanno visto la fonte e il numero di click.

 

7. Content Republishing

 

Per Content Republishing si intende la rielaborazione e la ripubblicazione di contenuti esistenti. Si tratta di rivedere testi, immagini o video già pubblicati, di convertirli in un nuovo formato se necessario e di distribuirli nuovamente ai potenziali lettori attraverso i canali aziendali.

 

8. Conversion

 

I marketer online descrivono un obiettivo di marketing raggiunto come una conversion. Ad esempio, una conversion può consistere nella vendita di un prodotto, nella registrazione a una newsletter o nella registrazione a una conferenza.

 

9. Corporate Blog

 

I Corporate Blog sono i blog aziendali. Questi sono solitamente utilizzati a scopo di marketing per informare gli utenti e i potenziali clienti sull’azienda, i prodotti o l’area tematica.

 

10. Duplicate content

 

Duplicate content è un termine che designa i contenuti duplicati su Internet. Se è possibile accedere a testi, immagini o video identici o molto simili o siti web identici sotto URL diversi, è possibile duplicare il contenuto. Questo è spesso il caso quando gli operatori di siti web hanno copiato il loro contenuto da altri siti. La duplicazione dei contenuti può verificarsi anche quando i siti web sono rivisti e pubblicati sotto una nuova URL senza cancellare o inoltrare quello vecchio.

 

Gli utenti attribuiscono importanza a non ricevere informazioni ridondanti. I contenuti duplicati possono quindi avere un impatto negativo sull’esperienza utente. Gli operatori di siti web dovrebbero pertanto creare contenuti unici. Dopo tutto, gli operatori dei motori di ricerca sono anche critici nei confronti dei contenuti duplicati perché grava inutilmente sulle risorse dei motori di ricerca. Qui trovate qualche consiglio per evitare i contenuti duplicati.

 

11. Evergreen Content

 

Evergreen Content descrive contenuti costantemente aggiornati. Essi forniscono al lettore informazioni che possono essere utilizzate per un lungo periodo di tempo, indipendentemente dalla data. Ad esempio, le ricette di cucina possono essere sempreverdi, poiché la preparazione dei cibi di solito non cambia molto.

 

12. HTML

 

HTML significa Hypertext Markup Language e si riferisce ad un linguaggio di markup basato sul testo. Internet e i vari linguaggi di programmazione sono in parte basati sull’HTML. I tag HTML corrispondenti possono essere utilizzati per aggiungere funzioni ai documenti digitali che possono essere interpretate da un browser. Per esempio, i tag di ancoraggio possono essere usati per collegare documenti, i tag p per dare una struttura ai paragrafi e così via.

I nostri tutorial HTML https://www.textbroker.it/html-consigli-pratici e https://www.textbroker.it/formattazione-html-liste-puntate-e-collegamenti-ipertestuali forniscono una piccola panoramica dell’HTML.

 

13. Keyword (Keyword Density e Keyword Stuffing)

 

Le keyword sono le parole chiave che gli utenti cercano su Internet. I motori di ricerca utilizzano queste parole chiave, tra l’altro, per assegnare risultati di ricerca adeguati alle query di ricerca dell’utente. Un sito web che vuole essere trovato per la parola chiave “pastore tedesco”, per esempio, di solito ha migliori possibilità se contiene la parola “pastore tedesco” in luoghi specifici del testo e/o ha a che fare con il contenuto di “pastore tedesco”.

La Keyword Density ossia la densità delle parole chiave descrive la frequenza con cui la parola chiave appare in relazione alla pagina. Il keyword stuffing, invece, descrive una tecnica in cui la parola chiave è usata il più spesso possibile, significativa o meno, nel testo di una pagina. In passato, un motore di ricerca poteva essere indotto in errore nel credere che il sito web fosse particolarmente rilevante in questo modo. Oggi Google considera questa tecnologia come spam.

 

14. Landing page

 

Una landing page è un sito web a cui gli operatori del sito web indirizzano gli utenti al fine di ottenere le conversioni. A tal fine, le landing page sono collegate tra loro negli annunci pubblicitari, nei risultati dei motori di ricerca o nei teaser appropriati. Le buone landing page raccolgono l’annuncio che l’utente ha trovato. Offrono al visitatore tutti i contenuti necessari e lo convincono della conversione in modo mirato e diretto.

 

15. Link building

 

Link building descrive le misure adottate dai SEO, dai marketer online o dagli operatori di siti web per ottenere backlink, cioè link alle proprie pagine. Ciò include la distribuzione mirata dei contenuti, l’inserimento manuale di link in forum o aree di commento, ma anche l’acquisto o lo scambio di link.

I backlink sono un fattore importante per l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Riferimenti di alta qualità provenienti da altri siti sono quindi valutati dai motori di ricerca come un segnale positivo per un sito web. I responsabili SEO cercano quindi di generare il maggior numero possibile di back link di alta qualità.

 

16. Meta Description

 

Una meta description è uno dei tanti metatag con cui gli operatori del sito web forniscono ai motori di ricerca informazioni importanti sul sito web. La meta description è il breve riepilogo del sito che Google e Co. solitamente visualizzano nei frammenti SERP dei risultati di ricerca.

La meta description dovrebbe essere usata per incuriosire l’utente e dargli una panoramica di cosa aspettarsi dopo aver cliccato sul sito.

Un frammento di SERP per la ricerca “Guadagnare con un blog” – la meta description è la frase che inizia con: Vuoi guadagnare con un blog?

 

17. Modello a forma di F

 

Il modello a forma di F deriva dalla ricerca di ricezione. Jakob Nielsen lo ha descritto nel 2006 come un tipico movimento oculare dell’utente web durante la lettura. Il modello è il risultato di un processo di eye-tracking in cui si è riscontrato che i lettori spesso percepiscono i testi web in forma di F.

 

Nei testi online può quindi essere utile inserire parole chiave importanti all’inizio dei paragrafi e delle righe per offrire al lettore punti di ancoraggio visivo.

 

Modello a forma di F

Fonte: https://www.nngroup.com/articles/f-shaped-pattern-reading-web-content/

 

18. Newsjacking

 

Il newsjacking è un metodo in cui le ultime notizie dalle aziende sono utilizzate per scopi di marketing. Un esempio ben noto nel 2013 è stato il produttore di biscotti Oreo, che ha risposto a un’interruzione di corrente al Super Bowl con un tweet divertente.

 

Oreo

Fonte: https://twitter.com/Oreo/status/298246571718483968/photo/1

 

19. Newsletter

 

Una newsletter è un’e-mail inviata a intervalli regolari che informa i clienti di un’azienda o le parti interessate su nuovi eventi, contenuti o prodotti. Pertanto, le newsletter vengono utilizzate principalmente per scopi di comunicazione aziendale o di marketing. Di regola, sono costituiti da brevi testi teaser che inoltrano l’utente ad ulteriori contenuti cliccandoci sopra.

 

20. Ottimizzazione Offpage

 

L’attività di ottimizzazione offpage è una sottodisciplina dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Comprende tutte le misure che gli operatori di siti web adottano al di fuori del proprio sito web per ottenere una migliore classificazione. Questo include soprattutto il link building, ma può anche includere l’ottimizzazione dei social media.

 

21. Ottimizzazione Onpage

 

L’ottimizzazione Onpage è la controparte dell’ottimizzazione offpage. Come parte importante dell’ottimizzazione dei motori di ricerca, l’ottimizzazione onpage offre molte possibilità di aumentare la visibilità in Google and Co. Ciò include tutte le misure che i SEO o gli operatori di siti web possono adottare sul loro sito web – sia tecniche che di contenuto. Dalla struttura del sito web al collegamento interno al contenuto appropriato con le parole chiave giuste, decine di fattori possono influenzare il punto in cui un sito web appare su Google.

 

22. One Page

 

Un sito One Page è un sito web il cui intero contenuto è stato inserito in un’unica pagina. Tuttavia, l’utente troverà di solito diverse voci di menu cliccabili che lo porteranno nella posizione appropriata sul sito. Per i copywriter online, una sola pagina significa impacchettare il loro contenuto in messaggi nitidi e accattivanti, il più breve possibile, per mantenere la pagina il più concisa possibile.

 

23. Search Engine Advertising/SEA

 

SEA è l’abbreviazione di Search Engine Advertising e un termine generico per la pubblicità sui motori di ricerca. La pubblicità sui motori di ricerca su Google, ad esempio, consiste principalmente di annunci AdWords, gli annunci che Google pubblica nei suoi risultati di ricerca. Questi includono gli annunci sopra o sotto i risultati della ricerca organica o gli annunci di shopping di Google che possono essere controllati con l’aiuto del Google Merchant Center. Ma anche la rete di visualizzazione di Google con AdSense, il programma per la pubblicità sui siti web, è regolato tramite AdWords.

 

24. Titolo della pagina

 

Il titolo della pagina di un sito web fa parte dei metadati. È particolarmente importante per l’ottimizzazione dei motori di ricerca perché Google and Co. può visualizzarlo nei risultati di ricerca. Il titolo deve quindi essere formulato in previsione di un elevato tasso di clic e, se necessario, dotato delle parole chiave appropriate.

Il titolo della pagina di solito può essere definito nel CMS di un sito web e quindi appare nel codice HTML della pagina. Può differire dall’intestazione principale del rispettivo articolo.

 

25. SEO

 

SEO sta per Search Engine Optimization e, insieme a SEA, è considerata una sottodisciplina del SEM, Search Engine Marketing. Comprende tutte le misure che gli operatori di siti web possono adottare per rendere il loro sito web più facile da trovare nei motori di ricerca. Nell’ottimizzazione dei motori di ricerca, è possibile distinguere tra ottimizzazione onpage e offpage. In queste due aree, l’obiettivo è quello di progettare la propria presenza web on (onpage) e off (offpage) del proprio sito web in modo che diventi attraente per il motore di ricerca. Google utilizza decine di fattori di ranking per calcolare quanto un sito web sia rilevante per una query di ricerca. Con l’aiuto del SEO, esattamente questi fattori di classificazione dovrebbero essere soddisfatti nel miglior modo possibile.

 

26. Snippet SERP

 

Un snippet SERP è l’anteprima di un sito web che viene visualizzato sulle pagine dei risultati di Google (SERP). Di solito consiste nel titolo, un URL e la meta description. Inoltre, Google per molti siti web aziendali, mostra i cosiddetti sitelinks ovvero altre sottopagine di un dominio. Anche i video, le immagini e vari altri elementi come le valutazioni possono far parte dei frammenti.

 

Snippet Serp Zalando Privé

Un snippet SERP con sitelinks

 

Con Rich Cards, Featured Snippets e Rich Results Google risponde a un numero sempre maggiore di richieste di ricerca direttamente nelle SERP. L’operatore della pagina deve contrassegnare questi punti salienti speciali nell’HTML di un sito web.

 

Un featured snippet sul tema del Content Marketing

 

Tutti gli elementi di un frammento di SERP devono essere progettati specificamente per essere visualizzati correttamente dal motore di ricerca. Inoltre, Google non utilizza necessariamente le informazioni fornite, quindi può semplicemente generare il proprio titolo o meta description.

 

27. Storytelling

 

Lo storytelling è un metodo di utilizzo delle storie per trasmettere informazioni. Lo storytelling è spesso usato in testi editoriali o promozionali perché le storie sono spesso particolarmente memorabili ed emotive. Utilizzando protagonisti che risolvono un problema o padroneggiano una sfida, gli autori trasmettono dati, fatti e informazioni per raggiungere la mente dei loro lettori.

 

28. Tempo di permanenza

 

Questo concetto designa la durata di tempo che un utente trascorre su un sito web. La durata può essere misurata utilizzando strumenti di analisi come Google Analytics. Può dare un’indicazione della qualità del contenuto e dell’impegno dell’utente. A seconda del tipo di contenuto e dell’intento dell’utente si applicano diversi fattori di successo. Spesso, più a lungo l’utente rimane sul sito, più l’utente si impegna intensamente con il contenuto della pagina e più è positivo per l’azienda che si trova dietro il sito web. Tuttavia, un breve periodo di permanenza può anche essere un argomento a favore di contenuti di successo, ad esempio se gli utenti sono alla ricerca della risposta più rapida possibile alle loro domande.

 

29. Unique Content

 

Il termine Unique Content descrive contenuti sul web che sono unici, cioè non esattamente uguali o molto simili, e che possono essere trovati su siti web diversi. Per gli operatori di siti web, è importante creare contenuti unici per offrire al lettore informazioni nuove e rilevanti, per creare proposte di vendita uniche e non richiedere al motore di ricerca un inutile budget di ricerca.

 

30. User Intent

 

La User Intent è l’intenzione dell’utente dietro la sua ricerca. Fondamentalmente, l’intento dell’utente può essere suddiviso in categorie informative (l’utente cerca informazioni), transazionali (l’utente vuole comprare qualcosa) o di navigazione (l’utente vuole raggiungere un certo sito web). A seconda delle intenzioni dell’utente, un testo potrebbe dover essere scritto in modo diverso e un sito web potrebbe dover essere progettato in modo diverso.

 

 

Esempi di una ricerca informativa, transazionale e di navigazione – a ciascuna di esse deve essere data risposta con un diverso tipo di sito web o contenuto.

 

31. USP

 

Con una Unique Selling Proposition, le aziende descrivono una caratteristica di prodotto o servizio che le distingue chiaramente dalla concorrenza.

 

32. WDF*IDF

 

WDF*IDF è una forma speciale di analisi di testo o parole chiave. Con questo metodo, i documenti più rilevanti per una parola chiave vengono controllati per i termini più importanti. L’elenco di parole chiave così generato può essere utilizzato per creare nuovi testi.

 

33. Whitepaper

 

Un whitepaper è un documento preparato professionalmente che viene distribuito su Internet. Molte aziende lo utilizzano per scopi di marketing, ad esempio per generare nuovi potenziali clienti, per aumentare la consapevolezza del marchio o per posizionarsi come esperti. I whitepaper possono essere creati su una varietà di argomenti. Spesso si occupano obiettivamente di studi o casi di aziende o prodotti.


Post simili


Commenti

Notifiche push per il web per una strategia di successo | Textbroker Blog 12. Dicembre 2019 - 11:52

[…] ai sistemi Windows e Apple, FoxPush supporta anche l’Android di Google. FoxPush garantisce un CTR (Click-Through Rate) di almeno il 20%. Questo strumento è anche facile da configurare e offre il […]

Rispondi

Hai una domanda o un'opinione su un articolo? Condividila con noi!

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati *

*
*

Managed-Service

Desideri che siano altri ad occuparsi di tuoi interi progetti e vuoi però essere sicuro di ottenere testi di alta qualità? Necessiti di altri servizi inerenti la creazione dei contenuti come ad esempio la gestione completa del tuo blog? Inizia a conoscere più da vicino la nostra offerta di Managed-Service e approfitta del nostro pacchetto All Inclusive.

Richiedi un preventivo!

Self-Service

Necessiti di contenuti attuali? Con il Self-Service di Textbroker puoi ordinare il testo che desideri in modo semplice e veloce – e alle migliori condizioni.

Registrati adesso gratuitamente!

L’Expert Center di Textbroker

Lo scopo del nostro Exper Center è quello di informare su tutte le novità riguardanti il Content Marketing, l’ottimizzazione per i motori di ricerca e i testi per il web. Qui i nostri clienti e i nostri autori troveranno articoli informativi, tutorial, video e molto altro.

Scopri di più