Skip to main content

Best Practice: strategie per il Content Marketing – 1° parte

Con la nostra serie "Best Practice: strategie per il Content Marketing", vogliamo proporvi nelle prossime settimane, e in modo continuativo, alcuni "bocconcini" di Content Marketing, per stimolare la fame di idee che vi aiutino a creare le vostre campagne di marketing.

Coca-Cola, Procter & Gamble e Youtube

Con la nostra serie "Best Practice: strategie per il Content Marketing", vogliamo proporvi nelle prossime settimane, e in modo continuativo, alcuni "bocconcini" di Content Marketing, per stimolare la fame di idee che vi aiutino a creare le vostre campagne di marketing. Presenteremo i contenuti e le strategie di piccole, medie e grandi imprese, andando a scoprirne i veri obiettivi. Riceverete velocemente anche un'idea da portare con voi e da utilizzare per la vostra prossima campagna di marketing. La prima parte comincia con le piccole ma ben strutturate pagine web di Procter & Gamble e con un video di un negozio di wafer a Pittsburgh. Ma la precedenza la vogliamo dare ad un vero gigante del Content Marketing: la Coca-Cola.

La nuova strategia della Coca-Cola

La Coca-Cola è tra le compagnie più conosciute al mondo e di indubbio successo. Nel 2012 pare abbia investito circa 4,2 miliardi di Euro in Marketing e pubblicità. Di sicuro qualche spicciolo sarà stato destinato anche al Content Marketing. E, di fatto, la Coca-Cola è maestra nel marketing di contenuti e capace come nessuno di influenzare con le sue strategie. Già da tempo, la Coca-Cola è diventata Publisher, facendo del racconto la propria bandiera arrivando sino a sostituire la propria pagina web aziendale con il magazine online Coca-Cola Journey. Autori propri ed esterni creano contenuti su tematiche inerenti all’azienda e la società, sui diversi stili di vita e sull’intrattenimento in genere – il tutto, visto naturalmente dalla prospettiva dell’azienda Coca-Cola. Oltre a questo, l'azienda cura l'immagine del proprio marchio con innumerevoli azioni ed eventi.

L'idea del Content Marketing: un mondo di benessere

In questo momento, le attività di Marketing della Coca-Cola si riassumono con un solo concetto: "Happiness". L'azienda ha concentrato la propria strategia di comunicazione su un principale obiettivo: trasmettere al cliente una sensazione di benessere. Ecco che troviamo articoli di esperti in salute, nutrizione e sport; testimonianze di persone che raccontano il loro percorso verso la felicità, o consigli su come "condividere e aumentare" la felicità.

Nella recente campagna "condividi una coca cola…", si potevano stampare nomi di persone o cose sulle lattine, per poi regalarle o tenerle per sé, per "rendere felici" sé stessi. Parallelamente, alcuni distributori automatici di Coca-Cola, sparsi in tutto il mondo, regalavano lattine di coca cola solo a coppie "vere". Bastava baciarsi davanti ad un distributore, per far uscire immediatamente due lattine. Altri distributori addirittura elargivano, oltre la bibita, anche un regalo. Una delle ultime trovate dell'azienda è stata "l'abbellimento" di un  complesso edilizio in cemento grigio, dove veniva posato un prato a rotoli sulla pavimentazione, per piantare poi  alberi con piccoli regali appesi ai rami. Un ambiente che certamente stimolava le persone a mettersi comode. Casualmente veniva aggiunto un distributore automatico che forniva la bevanda gratuitamente solo a chi si toglieva le scarpe per camminare sul prato.

Ogni attività viene messa sapientemente in scena, e pubblicata con video, foto e articoli. In questo modo, Coca-Cola cerca di avvicinare al marchio più persone possibili, creando al tempo stesso un Content utile e di intrattenimento.

Cosa abbiamo imparato

Con tutte queste attività, Coca-Cola cerca di stimolare sentimenti positivi. Il concetto "Coca-Cola stappa la felicità" deve essere associato all'azienda con qualsiasi mezzo.

Provate a riflettere su come coccolare un vostro cliente, anche se ciò potrebbe non avere un effetto immediato sul vostro fatturato. Il vostro cliente deve associare il vostro marchio ad emozioni positive e questo succede creando attività che stimolino emotivamente "azioni di benessere". Perché non organizzare allora un evento creativo e stimolante, pensato solo per il vostro cliente? Catturatelo poi con immagini, fissatelo con un testo e pubblicatelo nel vostro blog. In questo modo, avrete creato una situazione "win-win": il vostro cliente sarà felice, voi sarete "creatori di felicità" e alla fine avrete ottenuto anche un buon Content.

Procter & Gamble: il gigante della pubblicità

Anche se attualmente la Procter & Gamble ha deciso di risparmiare, il budget previsto per le attività di Marketing (nel 2012 pari a 9,3 miliardi di dollari), dovrebbe comunque far impallidire d'invidia tutte le altre compagnie. Da sempre, questo vero e proprio gigante dà molta importanza alle attività di marketing. Anche nel caso del Content Marketing, il produttore di beni di consumo ha da dire la sua, supportato anche dall'incremento degli investimenti fatti per la pubblicità online.

La strategia di Content Marketing: micro siti per raggiungere il target

Una delle strategie della Procter & Gamble è la creazione di siti web specifici per ogni tema; pagine che si rivelano infatti di (grande) utilità per gli utenti, creando al tempo stesso un valore aggiunto al prodotto. Da anni questa multinazionale gestisce una serie di micro siti come per esempio desiderimagazine.it oppure acelavitachemipiace.it. Queste piccole pagine web sono molto specifiche e si rivolgono ad un target ben preciso, offrendo consigli, stimoli e aiuto da parte di "esperti". Gli utenti possono partecipare, scambiarsi informazioni ed esperienze. Naturalmente, di pari passo l'azienda propone i propri prodotti come soluzione ai problemi, facendo così pubblicità. Se per esempio le mamme si chiedono a che età i propri figli debbano cominciare ad utilizzare lo spazzolino elettrico, si scoprirà che l'azienda in questione offre una vasta gamma di spazzolini elettrici colorati, per invogliare i bambini a utilizzare l'oggetto come fosse un giocattolo.

Cosa abbiamo imparato

Procter & Gamble, grazie ai suoi micro siti, riesce a soddisfare le necessità di target specifici. L'azienda si propone come interlocutore e amico in caso di necessità, offrendo aiuto e proponendo soluzioni ai vari problemi. In questo modo, riesce a trasmettere all'utente un valore aggiunto, perché fornisce informazioni "utili". Parallelamente, queste pagine web stimolano emozioni positive, che vengono di fatto associate ai prodotti pubblicizzati.

Cercate quindi di scrivere per i vostri utenti articoli ricchi di informazioni valide. Create materiali di utilità, come video o grafici. Ogni contenuto in grado di aiutare i vostri lettori contribuisce a consolidare la loro fiducia in voi. Inserite consigli e dritte sui giusti canali. Un micro sito offre diversi vantaggi: disporrete continuamente di una vetrina pubblicitaria, indipendente dalla vostra pagina aziendale, e indipendente anche da quello che è il vostro Corporate Design. Avrete quindi la libertà di poterla creare senza dovervi attenere alle linee guida della vostra Corporate Identity. In questo modo potrete costruire un'immagine alternativa, di indubbia utilità, se si vuole raggiungere un nuovo target. Un micro sito offre più possibilità rispetto ad un "semplice" Blog, perché ha le stesse opzioni di un sito web per quanto riguarda la struttura e le tipologie di contenuti (quiz, forum, etc.). Inoltre potrete utilizzare il micro sito per rivolgervi ad un solo e specifico target, e trattare in modo esaustivo una determinata tematica.

Cercate sempre di coinvolgere i vostri utenti, sia attraverso giochi, concorsi a premi, che stimolando commenti o creando forum. In questo modo rafforzerete il loro legame ai vostri contenuti.

La dritta per il vostro Content-Marketing: wafer su Youtube

Come si fa a promuovere un negozio di wafer? Che domande, con un video su internet! Un piccolo negozio di wafer a Pittsburgh, nato come progetto artistico o luogo d'incontro, si è rivelato essere di grande insegnamento in materia di Content Marketing. Il professore Jon Rubin della Carnegie Mellon University ideò il progetto nel 2008. Anche se lo scorso anno il negozio ha dovuto chiudere a favore di nuovi progetti, ha conquistato comunque un gran numero di fans.

Il principio che si cela dietro questo progetto è molto semplice: in un negozio americano di wafer, oltre all'attività giornaliera, viene registrato un talkshow, dove clienti e visitatori possono parlare, se vogliono. Il tutto viene registrato e caricato sul canale Youtube. Sul social web e anche nella vita reale questo video ha avuto un considerevole successo, ottenendo 3.700 seguaci su Facebook e oltre 3.000 followers su Twitter.

Che insegnamento trarre: che si tratti di un progetto artistico o a scopi promozionali, un contenuto interessante e creativo aumenta la probabilità di avere successo, anche se inizialmente può sembrare che il contenuto abbia poco a che fare con il prodotto che vogliamo promuovere. Siate creativi, sappiate guardare lontano e abbiate il coraggio di fare qualcosa di diverso. Chi mai avrebbe pensato ad un connubio wafer-talkshow?


Post simili


Nessun commento disponibile


Hai una domanda o un'opinione su un articolo? Condividila con noi!

Il tuo indirizzo e-mail non sarà reso pubblico. I campi obbligatori sono segnati *

*
*

Managed-Service

Desideri che siano altri ad occuparsi di tuoi interi progetti e vuoi però essere sicuro di ottenere testi di alta qualità? Necessiti di altri servizi inerenti la creazione dei contenuti come ad esempio la gestione completa del tuo blog? Inizia a conoscere più da vicino la nostra offerta di Managed-Service e approfitta del nostro pacchetto All Inclusive.

Richiedi un preventivo!

Self-Service

Necessiti di contenuti attuali? Con il Self-Service di Textbroker puoi ordinare il testo che desideri in modo semplice e veloce – e alle migliori condizioni.

Registrati adesso gratuitamente!

L’Expert Center di Textbroker

Lo scopo del nostro Exper Center è quello di informare su tutte le novità riguardanti il Content Marketing, l’ottimizzazione per i motori di ricerca e i testi per il web. Qui i nostri clienti e i nostri autori troveranno articoli informativi, tutorial, video e molto altro.

Scopri di più